Frutta martorana

A cura di Laura Margheritino

 

La frutta martorana prende il nome dalle suore benedettine del convento della Martorana di Palermo, che utilizzavano l'impasto di pasta reale per realizzare dei dolcetti a forma di frutta artisticamente colorata; in tempi più recenti si trovano anche altre forme, come il panino con la milza ad esempio.

Redazione di Palermo
Frutta martorana

Difficoltà:
media

Dosi:
10 persone

Costo indicativo:
medio

Preparazione:
120 min

Cottura:
10 min

Scegli tra:
carta dei vini

Scegli tra:
carta delle birre

Scegli tra:
carta oli ed aceti



» Ingredienti per: Frutta martorana

Mandorle: 1 kg, sgusciate
Zucchero: 700 g, semolato
Colorante alimentare: q.b., per dolci
Glucosio: 250 g, liquido

» Preparazione di: Frutta martorana

Sbollentate le mandorle e togliete la pellicina, schiacciatele poi in un mortaio, aggiungendo pian piano lo zucchero 250 g di zucchero, setacciate la farina dolce ottenuta, raccoglietela in un recipiente e versate 150 g di glucosio.
 
 
In un tegame a parte, fate sciogliere le dosi rimanenti di zucchero e glucosio, portandole a ebollizione per circa 2 minuti, quindi unite lo sciroppo ottenuto alla farina di mandorle, amalgamando il tutto con cura per evitare grumi; versate il composto su un piano di lavoro leggermente inumidito e quando raffredda iniziate a lavorarlo con le mani; non appena l’impasto sarà liscio e omogeneo, avvolgetelo nella pellicola trasparente e fatelo riposare per un’oretta in frigorifero.
 
 
Dopo averlo lasciato riposare in frigo, iniziate a lavorare il vostro panetto, dividetelo in pezzi e daretegli la forma della frutta che preferite, con degli stampini appositi o anche a mano libera.
 
 
Quando avrete finito di dare forma ai vari pezzetti d'impasto, lasciateli asciugare per almeno 20 ore su un vassoio leggermente infarinato; prendete dei pennelli e dei colori vegetali e dipingeteli; non appena asciutti potete servirli.


» I nostri consigli

Per facilitare la lavorazione dell’impasto, potete leggermente inumidirlo con un po’ d’acqua.


Se utilizzate gli stampi, rivestiteli con la pellicola o di spolverateli con lo zucchero a velo, per facilitare successivamente l’estrazione della pasta.


 


» Curiosità

Se non disponete di mandorle, potete utilizzare la di farina di mandorle, mantenendo le stesse dosi e sciogliendo lo zucchero in 250 g di acqua, mescolando continuamente a fiamma bassa.

Questa ricetta è idonea sia per celiaci che non.


» Condividi


Contatta l'autore

Nome:
Email:
Telefono:
Richiesta:
 
 

La sua richiesta è stata inviata correttamente!

Grazie!


Ricerca per autore

Ricette più cliccate

Ricetta Ravioli di brasato ai funghi porcini e Castelmagno Ricetta Ciambelle dolci di patate di Salvatore De Riso Ricetta Frittata al forno Ricetta Filetti di gallinella al limone e prezzemolo Ricetta Torta morbidissima di pesche Ricetta Bagnet vert e bagnet russ Ricetta Cosce di pollo arrosto senza grassi Ricetta Salsicce in umido Ricetta Roast beef con salsa calda
Ricette più commentate

Ricetta Gelato alla fragola senza panna Ricetta Ravioli di brasato ai funghi porcini e Castelmagno Ricetta Cappellacci di brasato con burro fuso e funghi del Ristorantino del Borgo Ricetta Ciambelle dolci di patate di Salvatore De Riso Ricetta Torta di mele Ricetta Torta fredda alla nutella Ricetta Torta di cioccolato senza farina e lievito Ricetta Fegatini alla veronese Ricetta Coppette di riso con gamberi, zucchine e pomodorini
La selezione di oggi

Ricetta Torta di pesche senza grassi Ricetta Tegame di patate e funghi Ricetta Gnocchi farciti di caprino con boudin e crema di verdure - ricetta valdostana Ricetta Risotto alla bresaola Ricetta Bollito rifatto in salsa verde Ricetta Pollo con Birra Bionda Cipolle e Speck del Ristorantino del Borgo Ricetta Alici alla Bottarga Ricetta Frittelle di ricotta Ricetta Apple pie o torta di mele
Le stagionali

Ricetta tortellini al ragù di funghi Ricetta Tagliatelle all'uovo Ricetta Frittata al forno Ricetta Ragù di pollo Ricetta Polpette di salsiccia alla Rosalina Ricetta Tajarin al ragù langarolo Ricetta Germogli autoprodotti Ricetta Chicche di formaggio Ricetta Tortelli al dito farciti di gallina con crema topinambur e carciofi fritti
Pubblicità
Vuoi la tua pubblicità a pagamento su Mondo del Gusto?
Scopri come fare