Tinca gobba dorata in carpione

La Tinca è un pesce autoctono ed è consumato quando raggiunge una taglia di circa 100 g. Le sue carni sono morbide, la pelle sottilissima e gustosa.

Le acque basse, calde e limacciose del Pianalto di Poirino, che comprende 24 Comuni delle Province di Torino, Cuneo e Asti, rappresentano l’habitat ideale di una pregiata varietà di Tinca Gobba Dorata, apprezzata per le sue carni sode, delicate e non grasse.

Pesce catturato e mangiato in primavera, per assaporare le proteine fresche e poi, ancora, ad inizio autunno, per il consumo in carpione durante l’inverno.

Redazione di Torino
Tinca gobba dorata in carpione

Difficoltà:
media

Dosi:
10 persone

Costo indicativo:
medio

Preparazione:
90 min

Cottura:
10 min

Scegli tra:
carta dei vini

Scegli tra:
carta delle birre

Scegli tra:
carta oli ed aceti



» Ingredienti per: Tinca gobba dorata in carpione

Tinca: 2 Kg, gobbe dorate,
Aglio: 6 spicchi,
Cipolla: 300 g,
Salvia: 40 g,
Sale: qb,

» Preparazione di: Tinca gobba dorata in carpione

Pulire e lavare le tinche, avvolgerle in uno strofinaccio e conservarle in frigorifero per circa 2 giorni, in modo che la carne si asciughi ed acquisti maggior compattezza.

Friggere le tinche non infarinate in olio d’oliva, finché la pelle tende a staccarsi dalla carne ed il pesce si rigonfia.

Scolare e riporre i pesci ben ordinati in una terrina adeguata, disponendoli in più strati.

 

Preparazione del Carpione: In olio di oliva friggere la cipolla tagliata a julienne e l’aglio, aggiungervi la salvia, il vino e l’aceto e far cuocere per 10 minuti.

Versare bollente sui pesci e lasciare in infusione per almeno una giornata.


» I nostri consigli

Abbinare a vini morbidi, molto profumati e strutturati..

Il pesce in carpione è "un piatto di magro" e può essere servito con polenta.


 


» Curiosità

Il  taglio à la julienne è un tipo di taglio che consiste nel tagliare la preparazione in filetti o fiammiferi di lunghezza variabile (comunemente 4-5 cm) e molto sottili (sezione quadrata di circa 2 mm di lato). Si utilizza in particolar modo per le verdure quali cipolle e carote.

 


» Condividi


Contatta l'autore

Nome:
Email:
Telefono:
Richiesta:
 
 

La sua richiesta è stata inviata correttamente!

Grazie!


Ricerca per autore

Ricette più cliccate

Ricetta Ravioli di brasato ai funghi porcini e Castelmagno Ricetta Ciambelle dolci di patate di Salvatore De Riso Ricetta Frittata al forno Ricetta Filetti di gallinella al limone e prezzemolo Ricetta Torta morbidissima di pesche Ricetta Bagnet vert e bagnet russ Ricetta Cosce di pollo arrosto senza grassi Ricetta Salsicce in umido Ricetta Zucchine in carpione
Ricette più commentate

Ricetta Gelato alla fragola senza panna Ricetta Ravioli di brasato ai funghi porcini e Castelmagno Ricetta Cappellacci di brasato con burro fuso e funghi del Ristorantino del Borgo Ricetta Ciambelle dolci di patate di Salvatore De Riso Ricetta Torta di mele Ricetta Torta fredda alla nutella Ricetta Torta di cioccolato senza farina e lievito Ricetta Fegatini alla veronese Ricetta Coppette di riso con gamberi, zucchine e pomodorini
La selezione di oggi

Ricetta Marmellata di albicocche Ricetta Maccheroni al forno - Maccarruni aru furnu Ricetta Tortine con ciliegie sciroppate Ricetta Spaghetti di riso senza glutine Ricetta Raviolini ai gamberetti su letto di spinaci - ricetta alla lampada Ricetta Focaccia barese Ricetta Cantucci salati Ricetta Torta Sacher Ricetta Pennette con broccoli
Le stagionali

Ricetta Chenefle al timo serpillo e pancetta croccante alle noci Ricetta Beignets aux quetches et troillettes - ricetta valdostana Ricetta Polpette in foglie di limone Ricetta Torta di polenta e scaglie di cioccolato Ricetta Peperoni al forno con insalata di prosciutto Ricetta Fichi sciroppati Ricetta Torta di pavesini macinati Ricetta Torta allegra Ricetta Tortine con ciliegie sciroppate
Pubblicità
Vuoi la tua pubblicità a pagamento su Mondo del Gusto?
Scopri come fare